Notiziario 6 01/08/2013 - Giordano cicli

Vai ai contenuti

Menu principale:

Notiziario 6 01/08/2013

A.S.D Cicli Giordano

Notiziario 06
01 agosto 2013


È la strada asfaltata più alta d’Europa, la Cima Bonette misura 2.802 mslm, un balcone panoramico eccezionale, che sabato 27 luglio era semplicemente splendido data l’assoluta mancanza di nuvole. L’avventura inizia da Jausiers nella Valle dell’Ubaye, la valle che confina con l’Italia tramite il Colle della Maddalena, culmine della Valle Stura. Parcheggiata l’auto di Paolo nel comodo parcheggio di Jausiers, con Vanna ci muoviamo alla volta del Colle del Vars, prima meta di giornata. Il clima è ideale, leggermente fresco, in attesa del gran caldo che arriverà fra poche ore. La salita va via liscia, dal bivio Vars – Col de Larche, Colle della Maddalena per noi, la pendenza è praticamente inesistente, mancano 15 km alla sommità e si pedala agevolmente. Passate le due gallerie ci si affaccia al paesino di St. Paul sur Ubaye da qui la pendenza cambia. La strada ampia inganna, la pendenza si aggira costantemente attorno all’8 – 10%, per un breve tratto si attesta al 12%. Al colle che quota 2.109 mslm ci sono molti ciclisti e motociclisti per godersi la bella giornata e faticare tra salite e discese. Dopo la foto di rito scendiamo veloci alla volta di Jausiers da cui parte la strada che ci porterà al Colle della Bonette. La prima parte del percorso è piuttosto regolare con pendenze quasi banali, 4 – 6% sino a quando la strada si inoltra in profondità nella Route de Nice, questo è il nome della strada che si inerpica in queste vallate. Il panorama diventa più suggestivo a mano a mano che si sale, e aumenta anche la pendenza che raramente raggiunge la doppia cifra, si lambisce il Lac Des Eissaupres per poi raggiungere, in uno dei punti più duri della salita, le Caserme de Restefond. Il Sole splende alto nel cielo, il blu domina incontrastato, una brezza ci accompagna lungo la salita, moltissimi ciclisti e altrettanti motociclisti salgono e scendono lungo la strada, ci sono tante auto che, con pazienza ed educazione, aspettano il proprio turno per superare i ciclisti che sgobbano lungo queste rampe. Superate le casermette, un lungo traverso introduce al bivio Colle di Restefond 2.715 mslm – Cima della Bonette 2.802 mslm. Proseguiamo verso la Cima la cui strada ne compie il periplo e riconduce al Colle di Restefond, il tratto più duro di tutta l’ascesa è proprio negli ultimi 200 metri dove le pendenze sfiorano il 15%, lo sforzo però viene ampiamente ripagato dalla vista panoramica che si offre ai nostri occhi. C’è veramente tanta gente, chi in bici, chi in moto, chi in auto, tutti per transitare sulla strada asfaltata più alta d’Europa. Scattiamo alcune foto e via in discesa alla volta di Jausiers. Ciò che ci ha molto colpito, anche perché il paragone viene spontaneo, è la quasi perfezione e pulizia del manto stradale, considerando la quota e l’ambiente in cui esso si snoda, è veramente piacevole costatare con quanta cura i francesi valorizzino le loro bellezze naturali e quanto spingano la gente a visitare queste bellezze. Noi abbiamo molto da imparare da questo punto di vista, se penso alle nostre splendide salite è desolante il confronto, alcuni nomi: Colle d’Esischie, strada rovinata in moltissimi punti al limite della percorribilità; Colle Fauniera dalla Val Grana, spesso strada sporca con molti tratti d’asfalto rotti e riportati con terra battuta, diversi tratti franati e non riparati, come il collegamento che dal Colle d’Esischie porta al Fauniera; il Colle di Sampèyre da entrambi i versanti strada sconnessa e pericolosa soprattutto in discesa. Che peccato! Queste strade potrebbero lanciare il turismo sportivo, portare gente, diffondere, come in Francia, il rispetto per le strade di montagna e la divulgazione dei nostri splendidi posti.
  
#######

Domenica 28 luglio 2013 presso il Rifugio Viviere di Fabrizio Fea in Valle Màira, si è tenuto il "mountain bike test" con biciclette Scott che, grazie a Giordano Cicli, ha dato la possibilità agli ospiti del rifugio e a semplici passanti, di testare le biciclette da montagna della Scott. Una bella giornata, in un ambiente rilassante e genuino, ha fatto da cornice all’evento, il tutto condito dalla cortesia, e dalla squisita cucina, del personale del rifugio.

#######

Domenica 04 agosto 2013 si sconfina nuovamente in Francia per un altro giro bellissimo: Barcelonnette – Barcelonnette superando i tre colli: Cayolle 2.327 mslm, Champs 2.080 mslm, Allos 2.248 mslm, decideremo sul posto quale fare prima se il Cayolle o l’Allos.

Per informazioni contattare:

Cicli Giordano
Telefono: 0171/262481
Posta elettronica: info@giordanocicli.it
Internet: www.giordanocicli.it

Roberto Beraudo
Telefono: 348/8034839
Posta elettronica: robiberaudo@live.com


Aggiornamenti in corso…  

Come sempre, buone pedalate



Roberto Beraudo

 
Torna ai contenuti | Torna al menu